11/12/2019, ore 21:48 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Skip Navigation Links

- NEWS DEL 2011

- NEWS DEL 2010

- NEWS DEL 2009

Ancora sui mostri di Godzilla KOTM!


 
Immagine associata alla news
  

Ormai il virale di Godzilla: King of the Monsters è un fiume in piena e quasi fatichiamo a star dietro agli aggiornamenti. Subito dopo aver postato la precedente news con i nuovi dati sui Titani del film (Rodan, King Ghidorah e Mothra), il forum di Godzilla-movies è tornato alla carica con le note di “livello cremisi” dal sito ufficiale (le precedenti erano di “livello ambra”).

Nessuna nuova immagine, quindi riutilizziamo le precedenta, aggiungendo il nuovo testo.

Rodan:

Le ali di Rodan sono avvolte attorno al suo corpo in stasi, ma i nostri crittografi stimano un'apertura alare abbastanza grande da creare un colpo sonico capace di livellare intere città quando ci vola sopra. Scansioni RF-Capture rivelano che la pelle di Rodan non è fatta di roccia, ma ha un derma esteriore di forte sedimento vulcanico accumulatosi in secoli di letargo. Operatori scientifici teorizzano che l'aspetto vulcanico della sua pelle possa costituire un tratto evolutivo sviluppatosi come forma di mimetismo contro le montagne o larghe formazioni rocciose. Davvero, un Titano forgiato nel fuoco.

 

King Ghidorah:



Lo strato dermico del Mostro Zero è dorato, con tracce di aurum (vedere Ark Record # 73.126). Studi metallurgici teorizzano che le scaglie agiscano come un conduttore in grado di portare correnti bioelettriche lungo il corpo della creatura. Alcune ferite sono state scoperte in più punti del corpo della bestia, che appaiono come segni di artigli e bruciature. Gli esperti in materia di strati esteriori stanno attualmente indagando.

Questo elemento conferma il fatto che Ghidorah in passato abbia già incontrato Godzilla, come da scena dopo i titoli di coda di Kong: Skull Island e ribadisce la sua rivalità atavica con il Re dei mostri:

I tendini muscolari sulle ali hanno una tale capacità di trazione che la loro forza aerodinamica potrebbe generare correnti d'aria simili a uragani durante il volo. Tutto questo, abbinato alla biologia molecolare del suo corpo elettro-recettore, capace di condurre correnti elettriche, potrebbe riscaldare il vapore acqueo presente nell'aria a livelli talmente estremi da creare un proprio sistema di tempeste localizzate mentre si muove. Per metterla in termini semplici, se il Mostro Zero dovesse volare di nuovo la stratosfera sarebbe dilaniata da una tempesta ultraterrena di tuoni e fulmini come il nostro cielo non ha mai visto. Criptolinguisti hanno analizzato le traduzioni di ogni caso osservato nel mondo sul Mostro Zero lungo un arco di dieci milioni di anni e presenti nel database della Monarch. Gli antichi lo chiamano Ghidorah.

 

Mothra:

I campioni di DNA raccolti in fase larvale suggeriscono una notevole evoluzione multi stadio. Nel raggiungere l'età adulta, il gigantesco torace di Mothra è in grado di emettere bioluminescenze a onde beta che possono essere proiettate attraverso gli intricati disegni sulle sue ali e usati come arma formando dei “raggi divini” accecanti.

In quanto fenomeno tra i più letali e al contempo belli della storia terrestre, non c'è da stupirsi se questo devastante angelo custode sia stato adorato come una dea dalle antiche civiltà umane che hanno avuto il privilegio di esserne testimoni.