23/09/2018, ore 04:23 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Steven DeKnight su Raleigh e Mako


 
Immagine associata alla news
  

Se non avete ancora visto Pacific Rim: La rivolta vi consigliamo di non leggere questa news, perché contiene degli spoiler sulla trama.

Per tutti gli altri, si continua dopo l'immagine:


L'argomento è, come da titolo, il destino dei personaggi di Raleigh Beckett (interpretato da Charlie Hunnam) e Mako Mori (Rinko Kikuchi), protagonisti del primo film.

Il destino di Raleigh Beckett, in realtà è noto ai più, per il fatto che Charlie Hunnam non è presente nel film a causa di un conflitto tra i tempi di lavorazione di Pacific Rim: La rivolta e il remake di Papillon  – che all'attore evidentemente interessava di più. Nel film però non si fa accenno a cosa sia successo al personaggio. Ci viene in aiuto il regista Steven S. DeKnight che, attraverso il suo canale Twitter, ci spiega che il destino di Raleigh è rimasto incastrato nelle... scene tagliate! Nello stesso momento, DeKnight ci spiega anche perché Mako non è più in cabina di pilotaggio:

In una parte che poi è stata tagliata, avreste appreso che è morto a causa delle radiazioni assorbite dall'altro lato della breccia [che il personaggio aveva attraversato nel finale del primo film ndr]. Anche Mako ne aveva risentito e perciò non poteva più pilotare. Ma Raleigh è veramente morto? Hmmm...

 Il finale sibillino si collega a un altro tweet in cui il regista afferma che, in caso di un terzo film e se Hunnam fosse disponibile, il personaggio sarà fatto “rientrare” nella storia:

Anche per Mako ci sono degli spiragli aperti. In una serie di tweet, che qui raggruppiamo, il regista ci informa infatti che inizialmente si era pensato di far finire il personaggio in coma (lettura partendo dal basso, poi trovate la traduzione delle parti che ci interessano):

Raleigh (che in quel momento era ancora il protagonista) effettua il drift con lei per entrare nella sua mente e farla così uscire dal coma. […] Purtroppo questa sequenza è stata tagliata perché si è ritenuto che il coma fosse troppo deprimente. Infine, PRU è sempre stato inteso come la seconda parte di una trilogia. A causa della natura particolare dell'universo di Pacific Rim, questa non doveva essere la fine di Mako Mori. Non posso ancora rivelare troppo, ma un'idea riguardo a Mako costituiva una grossa parte del terzo film. La sua storia era lungi dall'essere completata.

 Come si può notare, insomma, anche se i piani sono poi cambiati in corso d'opera, c'è ancora la speranza che qualcosa si possa fare per recuperare il personaggio fra le dimensioni.

C'è spazio anche per Herc Hansen:

Di fatto ho scritto un trattamento in cui Herc era nella parte del Marshall, ma non è riuscito. Avevo anche inserito dei riferimenti al fatto che si fosse ritirato, ma sono stati tagliati.

 

Infine un altro aspetto interessante: nel film si scopre che i kaiju sono diretti al Monte Fuji, ma questo sembrerebbe in contraddizione con i percorsi che abbiamo visto nel primo film (in particolare quando attaccano gli Stati Uniti). DeKnight ha risposto anche a questo:

Abbiamo rettificato la cosa. Ma per come la vedo io avevano semplicemente cambiato direzione a causa degli attacchi umani.

 

E ancora sul perché apparivano in punti così lontani dalla loro meta finale:

Era spiegato in un dialogo ambientato nella War Room che poi sono stato costretto a tagliare. In pratica si può passare solo attraverso alcuni punti dimensionali “molli” nel Pacific Rim. Inoltre l'energia per aprire le brecce aumenta esponenzialmente, quindi i Categoria 5 sono i kaiju più larghi che possono passare. Ecco perché poi devono unirsi nel MegaKaiju. E si spiega anche perché i Precursori non possono far arrivare i Kaiju direttamente nel Monte Fuji.

 

Relativamente al destino di Raleigh, c'è infine la speranza di vedere la famosa scena tagliata negli extra delle future edizioni DVD e Blu-Ray? Lapidaria la risposta del regista:

No, ci ho provato, ma hanno messo il veto.

 Che peraltro non è nemmeno una notizia così cattiva, perché lascia spiragli ancora più aperti alla possibilità di un ritorno nel terzo film. Il problema è se un altro capitolo ci sarà, visto l'esito infelice al botteghino del secondo. Ma questa è un'altra storia...