29/03/2017, ore 17:08 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Un team di sceneggiatori per il MonsterVerse


 
Immagine associata alla news
  

L'uscita di Kong: Skull Island nei cinema e l'imminente inizio delle riprese del secondo Godzilla evolve il piano d'azione della Legendary Pictures e del suo MonsterVerse, in attesa del Godzilla vs. Kong che riunirà i due “pesi massimi” nel 2020.

 

Proprio in previsione di questo evento, lo studio ha messo insieme un gruppo di lavoro formato da sette sceneggiatori (quello che in gergo tecnico è ormai chiamato “Writers Room”): il loro scopo sarà quello di fornire e valutare varie idee, in modo da definire una scaletta da passare poi allo sceneggiatore definitivo (che sarà scelto più avanti).

Nello specifico, il gruppo è guidato da Terry Rossio, celebre per la saga dei Pirati dei Caraibi, ma a noi più noto in quanto co-autore del soggetto per il Godzilla di Roland Emmerich.

A lui si uniscono alcuni colleghi giovani:

Patrick McKay e John D. Payne, di recente cosceneggiatori (non accreditati) di Star Trek Beyond.

Lindsey Beer, il cui nome è collegato a diversi progetti in fase di sviluppo su brand storici (da Barbie a M.A.S.K. passando per Dungeon & Dragons).

Cat Vasko, che al momento sembra avere in curriculum soltanto la co-sceneggiatura del cortometraggio Grrl Scout e che sta sviluppando anche lo script di Queen of the Air, dramma a sfondo circense, tratto dal romanzo di Dean N. Jensen.

T.S. Nowlin, sceneggiatore della saga di Maze Runner e co-sceneggiatore di Pacific Rim: Uprising.

Jack Paglen, sceneggiatore di Transcendence e co-autore del soggetto del prossimo Alien: Covenant.

Infine il veterano J. Michael Straczynski, autore dall'impressionante curriculum per serie quali Babylon 5, He-Man, She-Ra, The Real Ghostbusters, celebre anche per un fortunato ciclo di storie dell'Uomo Ragno e per aver scritto Thor e il bellissimo Changeling di Clint Eastwood.

Come si può notare, il gruppo mette insieme gente abituata a lavorare sul seriale e su saghe di importanza più o meno rilevante, oltre a unire professionalità consolidate e forze fresche, in modo da assicurare un confronto a largo raggio.

L'idea di un gruppo di lavoro non è una novità, è stata già attuata anche da Hasbro e Paramount per il futuro dei Transformers. Da qui la possibilità che il gruppo non si limiterà a tracciare solo le idee per Godzilla vs. Kong, ma, più in generale, anche per possibili prosecuzioni future.

Le speculazioni in questo senso non si sono fatte attendere: Screen Rant suggerisce di portare nel MonsterVerse anche Pacific Rim, mentre Jordan Vogt-Roberts, regista di Kong: Skull Island, ha dichiarato che gli piacerebbe dirigere eventuali spin-off su Rodan o sulla giovinezza di Hank Marlow, il personaggio già interpretato da John C. Reilly nello stesso Kong. È invece di ieri la notizia di Bloody-Disgusting che chiama in causa addirittura Gamera.

Comunque vada a finire, la speranza è che, diversamente da come accade in alcune pellicole Marvel o Star Wars, l'esigenza di uno sfruttamento seriale intensivo e di mantenere coerente a ogni costo la continuity, non snaturi il valore delle singole storie. Come sempre seguiremo gli aggiornamenti.

 

La discussione sul forum