07/03/2021, ore 03:38 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Skip Navigation Links
 HOME 
 FILM 
 NEWS 
 ATTORI e REGISTI 
 COMMUNITY 
 FORUM 
SHOUTBOX:
24/02/2021, 15.05
OmegaSaurus: AAAAAA MA QUANDO ESCE GODZILLA VS KONG NON JAA FACC
02/02/2021, 16.41
Rodan: A chi/cosa aspetta il suo turno chiedo un po' di pazienza e copriamo tutto
02/02/2021, 16.40
Rodan: Tante tante news in questo periodo, che fatica starci dietro... (puff, pant)
27/01/2021, 21.58
King Ghidorah: Lodi, lodi, lodi agli admin :)
27/01/2021, 16.48
Rodan: Siamo arrivati a 700 news sul sito ;)
24/01/2021, 22.29
ROGORA: Poichè sono stato evocato (con opportuno sacrificio umano), emergo dalle ombre. (in realtà sono capitato casualmente (per discutere del trailer GvK) ma vi ringrazio tantissimo per il pensiero, visto che ieri era pure il mio compleanno. Vi voglio bene, amici cari.
13/01/2021, 11.19
King Ghidorah: Mi associo ad Omega: ROG, ci manchi.
12/01/2021, 12.57
OmegaSaurus: Ma ROGORA ci bazzica più da queste parti? Amico mio, ti evoco
01/01/2021, 21.03
Rodan: Buon anno a tutti!
26/12/2020, 15.17
Anung Un Rama: Auguri a tutti ragazzi. Spero che abbiate passato un buon Natale.
30/04/2020, 23.43
**Mr.DooM**: Lieti che sia stato apprezzato :)
30/04/2020, 13.31
King Ghidorah: Un plauso enorme a Mr. e GNN per questo grande regalo
12/04/2020, 21.23
King Ghidorah: Tanti auguri per questa Pasqua anomala, strana, unica. La speranza è comunque cercare qualcosa di positivo da conservare. Un abbraccio a tutti.
12/04/2020, 12.18
**Mr.DooM**: Auguri a tutti gli utenti :)
12/04/2020, 11.03
Rodan: Auguri di Buona Pasqua, per quanto il periodo sia difficile <3
12/03/2020, 14.59
King Ghidorah: Capisco il tuo punto di vista, Rog, ma non lo condivido pienamente. Nei film di fantascienza e, solo in piccola parte, quelli horror effettivamente ci sono spunti "profetici" che però chiaramente non sono facimente decriptabili dai non amanti del genere. Detto questo però, non creerei contrapposizioni con altro. In generale non amo confondere pere e mele, buone entrambe ma diverse... e te lo dico da non amante dei film di Ozpetek ;)
11/03/2020, 17.20
ROGORA: In relatà non ho nulla contro i film di Ozpetek, Castellitto e compagnia bella. Solo che i temi di cui trattavano (coniugi che si cornificano, mariti che si scoprono gay ecc.) mi sono sempre sembrate cosucce irrileavanti rispetto a temi di respiro globale. Mi sono sforzato per anni per cercare di spiegare che i film di zombi (quelli fatti bene!) non erano stupidaggini fini a sè stesse ma potenti metafore della deriva della nostra società e rappresentazaione (ormai non più allegorica) di rischi pandemici globali legati a scellerate politiche consumistiche. Mò mi tocca ad avere ragione...
11/03/2020, 15.03
OmegaSaurus: la cosa che me rimane molto divertente è che per ANNI tutti quei film a sfondo ambientalista e messaggi correlati venivano perculati per partito preso, e invece adesso c'è poco da prenderli in giro
11/03/2020, 00.07
Rodan: Francamente non c'era bisogno della crisi per disprezzare i film di Ozpetek e Castellitto :p
10/03/2020, 23.18
ROGORA: la situazione contingente mi spinge ad una considerazione fra il serio ed il comico (grottesco). Non so quante volte, nel discutere di cinema con amici e conoscenti, ho percepito lo sdegno dei più verso la cinematografia di fantascienza ed horror, rispetto al cinema 'di impegno' in quanto solo quest'ultimo sembrava rappresentare la realtà. In questi giorni mi sono sorpreso nel guardare telegiornali (quelli col commentatore angosciato e, alle sue spalle, il planisfero che si colora inesorabilmente di rosso mentre il numero dei contagi sale esponenzialmente) che avevo già visto innumerevoli volte nei film. Adesso i vari filmetti alla Ozpetek e alla Castellitto coi loro patetici drammi piccolo-borghesi sono imporovvisamente diventati desueti.
20/02/2020, 14.43
Rodan: Tutto bene, ora siamo di nuovo operativi ;)
20/02/2020, 11.00
MarkZilla: Buondi a tutti.. il sito è stato offline qualche giorno, tutto ok?
07/01/2020, 12.07
King Ghidorah: Buon anno a tutti voi!!!
01/01/2020, 13.11
Rodan: Buon 2020 a tutti ;)
26/11/2019, 10.41
Rodan: Poi la condivido io su FB dal telefono
26/11/2019, 10.40
Rodan: Visto che ci siamo, se qualcuno cortesemente può fare la news sul rinvio di Godzilla vs Kong vince un carico di gianduiotti :D
26/11/2019, 10.39
Rodan: Grazie per gli auguri, io sono sempre a Torino :)
21/11/2019, 14.16
King Ghidorah: Ciao ragazzi, visto che non ci sono novità di rilievo da commentare, vi saluto dallo shoutbox. Chiederei al potente Rodan di aprire al suo rientro un topic sul TFF per darci un'infarinata e consigliarci qualcosa di valido ;)
15/11/2019, 17.47
**Mr.DooM**: Buon TFF (non potrebbe essere altrimenti con Barbara Steele), ci si vede al ritorno. ;-)
15/11/2019, 17.12
Rodan: Causa imminente partenza per il Torino Film Festival sarò assente per un paio di settimane. Fate i bravi :D
Messaggio:  
Benvenuto, Ospite Topic attivi | Log In | Registrati

La Nomurizzazione Opzioni
shinmattiathekaiju
#1 Inviato : sabato 3 settembre 2011 15.11.44
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 12/04/2010
Messaggi: 1.016
Locazione: forlì
Si tratta di un tropo inventato da me.


''Certe serie tendono a essere modificati alcuni suoi aspetti/elementi fondamentali per adeguarsi a un trend corrente, soddisfare le esigenze del pubblico e,sopratutto,sopravvivere. Spesso qualche modifica alla trama,ai personaggi e alle ambientazioni della serie può giovare al successo e alla qualità della serie se fatte in modo intelligente e ben curato. Ma altre volte,capita che con le modifiche si esageri,cambiando la suddetta serie addirittura al livello delle sue radici,con la conseguente ira funesta di buona parte del pubblico.

Una Nomurizzazione avviene quando un franchise subisce dei drastici cambiamenti a livello di estetica e tematiche al punto che i nuovi episodi non assomiglino quasi per niente a quelli precedenti. Ma ciò che caratterizza la Nomurizzazione sono i cambiamenti che fa:Le semplici ma raffinate e affascinanti caratteristiche dei vecchi capitoli del franchise vengono rimpiazzate da personaggi,storia e ambientazioni che a prima vista non si direbbero parte di quel franchise ma invece lo sono. Purtroppo i nuovi elementi introdotti dalla Nomurizzazione tendono ad essere meno interessanti, meno godibili e deludenti per certe parti del fandom(sopratutto per i fan particolarmente affezzionati agli episodi classici del franchise) e spesso questi elementi portano i nuovi episodi ad essere indirizzati per un pubblico di più giovani,alienando ulteriormente i fans dei classici.

Il tropo prende il nome da Tetsuya Nomura,il character designer della celebre serie di videogiochi Final Fantasy,che con le sue idee,ha reso gli ultimi titoli della serie molto diversi dai primi:Da maghi,cavalieri e ambientazioni medioevali, a eroi molto simili a personaggi di manga vestiti in modo particolare e città futuristiche/iper tecnologiche.''


In pratica una Nomurizzazione è quando una serie viene stravolta a livello di personaggi,trama e ambientazioni,rimpiazzando gli elementi tradizionali con elementi decisamente truzzi che,nel caso di Final Fantasy,susciterebbero interesso solo a un pubblico di anime fan sotto i 20 anni.

Anche i supereroi Marvel e DC hanno subito la Nomurizzazione,così come Godzilla e Kamen Rider.
Il 90% degli otaku d'Italia pensa che gli eroi Marvel e DC sono merda. Se sei del restante 10% metti questo nella tua firma.
''Lascio volentieri i premi Oscar alla critica, ma a me datemi Cinecomix, Fantascienza e Fantasy.''
Rodan
#2 Inviato : domenica 4 settembre 2011 0.08.57
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.714
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
Praticamente è un topic sulla museificazione: una volta inventata una cosa non deve cambiare mai perché sennò i "fans" rompono gli zebedei.

Quando si capirà che ogni cosa per non morire deve evolvere sarà sempre troppo tardi.

Alcuni esempi della sindrome del fan:
- Casinò Royale (quello con Daniel Craig) non è Bond: praticamente era meglio continuare con gli stracchi capitoli alla Il domani non muore mai e pazienza se Campbell ha fatto un bellissimo film.
- l'ultimo Star Trek fa cagare a prescindere: pazienza che è un capolavoro, bisognava fare Star Trek: La genesi 2.
- Tutta la complessità e la bellezza di Star Wars sia ricondotta a chi spara per primo fra Han Solo e Greedo, in fondo è quello il momento topico della saga.

La cosa divertente è che quando succede il contrario, però, i "fans" si lamentano lo stesso: vedi Spider-Man (fumetto) che "regredisce" tornando a prima del matrimonio e giù le critiche.

Alla fine tutto si riduce alla semplice frasetta "come la fai la sbagli", quindi inveterei caldamente tutti gli autori del mondo a riporre la penna (o quel che sia) e dedicarsi al giardinaggio, in caso contrario ci saranno sempre i "fans" a rendere loro la vita impossibile.
Watch the Skies!
King Ghidorah
#3 Inviato : domenica 4 settembre 2011 18.56.57
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 1.808
Locazione: In un piccolo cinema parrocchiale
Credo che fare un discorso unico sia un po' limitativo. Il mondo va avanti per cui pensare di non contestualizzare un franchise solo per rispetto della tradizione è un clamoroso sbaglio. In questo caso parlerei a ragione di 'museizzazione'.

Dall'altro lato ci troviamo con il pericolo opposto e cioè il cambiare per cambiare sperando di risollevare le sorti di qualcosa che ormai ha dato tutto. Questo avviene soprattutto nel mondo dei fumetti in cui i reboot ormai si sprecano e le testate storiche arrivano ormai a contare quattro o cinque numeri 1 (non da ultimo si getti un occhio all'annunciato azzeramento di tutta la cosmogonia DC).

Serie come Godzilla o 007 si rinnovano o muoiono. Nel secondo caso sono d'accordo con Rodan che è stato trovata la cura giusta mentre nel primo si va ancora a tentoni.
Nel caso invece di saghe fumettische apprezzo il restyling dei costumi o alcuni cambiamenti ad uso cinematografico delle storie originali. Gradirei però che venisse maggiormente rispettato lo spirito dei 'sacri testi' di partenza ed una certa continuity.

In sintesi, sì all'evoluzione ma no al massacro delle fonti.

shinmattiathekaiju
#4 Inviato : domenica 4 settembre 2011 19.04.00
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 12/04/2010
Messaggi: 1.016
Locazione: forlì
King Ghidorah ha scritto:
Credo che fare un discorso unico sia un po' limitativo. Il mondo va avanti per cui pensare di non contestualizzare un franchise solo per rispetto della tradizione è un clamoroso sbaglio. In questo caso parlerei a ragione di 'museizzazione'.

Dall'altro lato ci troviamo con il pericolo opposto e cioè il cambiare per cambiare sperando di risollevare le sorti di qualcosa che ormai ha dato tutto. Questo avviene soprattutto nel mondo dei fumetti in cui i reboot ormai si sprecano e le testate storiche arrivano ormai a contare quattro o cinque numeri 1 (non da ultimo si getti un occhio all'annunciato azzeramento di tutta la cosmogonia DC).




Una nuova Crisi Sulle Terre Infinite?
Il 90% degli otaku d'Italia pensa che gli eroi Marvel e DC sono merda. Se sei del restante 10% metti questo nella tua firma.
''Lascio volentieri i premi Oscar alla critica, ma a me datemi Cinecomix, Fantascienza e Fantasy.''
King Ghidorah
#5 Inviato : domenica 4 settembre 2011 19.08.14
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 1.808
Locazione: In un piccolo cinema parrocchiale
Direi molto più banalmente un "punto e a capo" editoriale...

gigan91
#6 Inviato : martedì 6 settembre 2011 18.04.46
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 2.006
Escludendo che, ora come ora, Nomura è diventato un bersaglio perfetto per ogni genere di insulto. (e io stesso gli sputerei in un occhio per quell'affare di Final Fantasy XIII, che offende la memoria dei primi 10 come non si era mai riusciti a fare)
Sull'evoluzione sono d'accordo con Rodan, qualcosa che non muta, è morta, un po' come le lingue. Nel momento in cui smettono di cambiare, sono paragonabili al latino.
Tuttavia, sulla questione dell'evoluzione affronterei un'altro genere di problema. Fin dove ha senso evolvere? Ci sono serie TV, videogiochi, fumetti, che, se hanno ormai detto tutto, dovrebbero semplicemente preoccuparsi di terminare con classe e chiudere bottega. I giochi come FF sono una questione a parte, perchè ogni Final Fantasy è un gioco a se stante. Ma qualcosa come una saga televisiva o un fumetto che proseguono per diverse decine di anni, devono porsi alcune domande. Quando una saga raggiunge certe lunghezze, è corretto iniziare a cambiare certi aspetti, ma spesso mi viene da pensare se non sia più corretto semplicemente porre una fine a qualcosa che si rischia di tirare troppo per le lunghe (se non lo si è già fatto) e aprire qualcosa di nuovo.
Rodan
#7 Inviato : mercoledì 7 settembre 2011 0.35.48
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.714
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
gigan91 ha scritto:
Tuttavia, sulla questione dell'evoluzione affronterei un'altro genere di problema. Fin dove ha senso evolvere? Ci sono serie TV, videogiochi, fumetti, che, se hanno ormai detto tutto, dovrebbero semplicemente preoccuparsi di terminare con classe e chiudere bottega.


Riflessione intelligente che mi trova d'accordo, infatti da tempo affermo che per quanto mi riguarda si potrebbe anche smettere di continuare a spremere molti franchise ormai in affanno.

Il problema però è come stabilire quando è ora di fermarsi. Perchè è inutile girarci intorno, se una cosa piace un fan vuole continuare a viverla. Pensa se non facessero più film di Godzilla come ci rimarremmo male, eppure è un franchise che ha più di 50 anni Wink
Watch the Skies!
gigan91
#8 Inviato : mercoledì 7 settembre 2011 14.45.02
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 2.006
Rodan ha scritto:
Il problema però è come stabilire quando è ora di fermarsi. Perchè è inutile girarci intorno, se una cosa piace un fan vuole continuare a viverla. Pensa se non facessero più film di Godzilla come ci rimarremmo male, eppure è un franchise che ha più di 50 anni Wink


è esattamente questo il problema principale. Non tocca al fan, decidere quando porre fine ad un opera che ama, perché ammettiamolo, il 95% dei fan, non riescono se non a costo di grossi sacrifici, ad essere oggettivi su ciò che amano. è comprensibile (finché non sfocia nel fanatismo).
Io mi ritengo cete volte capace di giudicare con una certa oggettività, a mente fredda. Ad esempio, nonostante sappia già che Oda terminerà One Piece al 100 volume, (così ha affermato, e in effetti, ha già iniziato ad avviare certe vicende che probabilmente porteranno alla conclusione) sempre più spesso mi trovo a criticare aspetti che non condivido o scelte che non mi piacciono nel manga, nonostante l'opera mi piaccia sempre e continui a leggerla con piacere.
Ma OP è forse uno dei pochissimi esempi mangofili che potrei fare, dato che, a parte rare eccezioni, (jojo, HunterXhunter, Berserk etc.) non ci sono tanti manga che durino in eterno con migliaia di numeri o che si tirano avanti per anni anche quando si vede che le idee latitano.
Un esempio che mi viene da fare, sarebbe HP (O le cronache del ghiaccio e del fuoco, per quanto sia ancora indietro, quindi ho solo alcuni pareri di amici che mi dicono come MArtin la stia tirando per i capelli negli ultimi volumi). Harry è terminato, l'ultimo libro chiude la storia senza Se e senza Ma, e tuttavia è pieno di fan (che mi viene da considerare... diciamo poco svegli) che sverrebbero all'annuncio di un ottavo libro, pure quando sarebbe la cosa peggiore che la Row possa fare.
Diciamocelo, i fan oggigiorno si assuefano a certe opere e sono capaci di acquistarsi qualsiasi commercialata, pure una fanfiction, se parla dei loro "eroi" ma questa è una mentalità che giudico alquanto malata di per sé, un po' come leggere commenti delle fan di Twilight che piangevano all'uscita del quarto libro dicendo "E Cosa leggeremo ora senza Edward e Bella?!?!??!?!?"
Io forse mi attaccherò poco ai persoanggi, (anche se potrei affermare il contrario) ma una volta che una storia è finita, mi spiace, magari ci piango,(se era un finale commovente) ma dopo un po' vado avanti e trovo nuove storie di cui interessarmi. Ripeto, sarò io che magari non mi faccio rapire così a fondo come dovrei, potrebbe essere una spiegazione, anche se ne dubito dato che è pieno di storie che amo rileggere, rivedere, rigiocare, rivivere etc. ma riesco comunque a sopravvivere quando capisco che una storia è ormai terminata.
My two cents.
shinmattiathekaiju
#9 Inviato : mercoledì 7 settembre 2011 20.55.37
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 12/04/2010
Messaggi: 1.016
Locazione: forlì
gigan91 ha scritto:
Rodan ha scritto:
Il problema però è come stabilire quando è ora di fermarsi. Perchè è inutile girarci intorno, se una cosa piace un fan vuole continuare a viverla. Pensa se non facessero più film di Godzilla come ci rimarremmo male, eppure è un franchise che ha più di 50 anni Wink


è esattamente questo il problema principale. Non tocca al fan, decidere quando porre fine ad un opera che ama, perché ammettiamolo, il 95% dei fan, non riescono se non a costo di grossi sacrifici, ad essere oggettivi su ciò che amano. è comprensibile (finché non sfocia nel fanatismo).
Io mi ritengo cete volte capace di giudicare con una certa oggettività, a mente fredda. Ad esempio, nonostante sappia già che Oda terminerà One Piece al 100 volume,
My two cents.


E io dico finalmente,perchè credo che Oda le stava tirando un pò troppo per le lunghe,altro che la lunghezza di Dragonball,ma questo è un difetto che accomuna tutte le serie della Shonen Jump.

PS:Mi piacie molto One Piece quindi non menarmi.
Il 90% degli otaku d'Italia pensa che gli eroi Marvel e DC sono merda. Se sei del restante 10% metti questo nella tua firma.
''Lascio volentieri i premi Oscar alla critica, ma a me datemi Cinecomix, Fantascienza e Fantasy.''
Rodan
#10 Inviato : giovedì 8 settembre 2011 12.11.09
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.714
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
gigan91 ha scritto:
è esattamente questo il problema principale. Non tocca al fan, decidere quando porre fine ad un opera che ama, perché ammettiamolo, il 95% dei fan, non riescono se non a costo di grossi sacrifici, ad essere oggettivi su ciò che amano. è comprensibile (finché non sfocia nel fanatismo).


Vero, il problema è questo e, sai, non è una questione, per così dire, "filosofica", ormai è un problema pratico: da quando esiste internet infatti, i fans pretendono di dire la loro e stanno iniziando a essere ascoltati. Non ho dubbi che questo atteggiamento produrrà danni incalcolabili, con gli autori in balia delle bizze dei lettori.
Watch the Skies!
gigan91
#11 Inviato : giovedì 8 settembre 2011 14.05.27
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 2.006
Gli autori erano spesso già in bilico del pubblico in alcuni ambiti e da molto tempo. In maniera diversa, ad esempio tramite i questionari nelle riviste dei manga, o anche solo scrittori o registi che filmano "quello che al pubblico piace", o gli sviluppatori di videogiochi che non possono ignorare i pareri dei fan quando creano un seguito o giochi simili, insomma, il pubblico è sempre presente, quando si parla di vendere, internet ha soltanto accentuato questa caratteristica.
Da un lato, sono d'accordo che il pubblico non debba essere passivo; insomma, ha il uso ruolo in tutta l'economia della cosa, e come tale, almeno una voce deve averla, ma non deve spingere un'autore ad agire verso una direzione, qui si supera il limite. Il pubblico ha diritto a dare il proprio parere, e può essere molto utile (in caso di pubblico intelligente, che sa quel che dice) agli autori per migliorare i loro difetti in vari ambiti, perchè di autori perfetti, non esistono. Oltretutto, è vero che siamo piani di fan che arrivano ad accusare l'autore di aver sbagliato perchè ha preferito una svolta narrativa invece di un altra (oddio, magari poi è anche vero perchè la seconda permetteva di creare una vicenda più emozionante, ma ripeto, è un discorso che andrebbe applicato caso per caso, non si può affrontare genericamente) ma in fondo, la maggior parte di essi si accontenta di criticare, quanti davvero ci terrebbero ad imporre le proprie volontà? E poi, quanti autori sono disposti a cedere? Qui è anche questione di nerbo dell'autore, che deve essere capace di proseguire dritto per la sua strada, ascoltando i suggerimenti buoni ma senza farsi influenzare. Penso sia tutta questione di richiedere all'autore un minimo di fiducia in se stesso e la capacità di non essere una banderuola, caratteristiche che, almeno in teoria, uno dovrebbe avere comunque in sé, altrimenti si finisce per venire sommersi.
Rodan
#12 Inviato : giovedì 8 settembre 2011 15.27.53
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.714
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
Citazione:
Gli autori erano spesso già in bilico del pubblico in alcuni ambiti e da molto tempo.


Mi aspettavo questa obiezione (sensata), ma il paragone è ingrato: un conto è tastare i gusti del pubblico attraverso un questionario, un conto è essere bombardati da email, petizioni e forum che ogni giorno vomitano le nevrosi di questo e quell'altro.

Che il pubblico debba e possa dire la sua è una cosa anche positiva, si chiama feedback e concordo con te circa il fatto che abbia una sua utilità, ma qui ormai si è oltre: Ti ricordo il bellissimo video di Manzilla sull'ultimo Star Trek Wink

Purtroppo c'è un punto limite oltre il quale il fan inizia a odiare l'oggetto della sua passione, perché lo vuole incontaminato e "fermo" nel tempo e si ritiene (presuntuosamente) come il "garante" della purezza originale.

Ovviamente, come scrivi tu, l'autore deve essere bravo ad avere i nervi saldi, ma la pressione è aumentata dal fatto che gli editori e i produttori hanno iniziato a prendere in seria considerazione il fandom. Guarda che lo scrivo a ragion veduta, avevo una conoscente che lavorava nell'ambito della promozione cinematografica e mi diceva che nella sua ditta c'era gente addetta a raccogliere i pareri su internet per mandarli al produttore (in America).

Quindi i pareri degli idioti che insozzano la rete sono purtroppo presi in considerazione e non si fa distinzione fra uno che fa una critica costruttiva e un disadattato che segue la corrente e fa solo caciara.

Figurati un autore come può lavorare in queste condizioni...
Watch the Skies!
Utenti che sfogliano il topic
Guest
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.

YAFPro Theme Created by Jaben Cargman (Tiny Gecko)
Powered by {0} versione {1} YAF | YAF © 2003-2009, Yet Another Forum.NET
Pagina generata in 0,210 secondi.