26/09/2017, ore 11:15 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Guerre stellari

 
Locandina

Titolo:
Guerre stellari

Altri titoli:
TITOLO ORIGINALE: Star Wars - TITOLO ALTERNATIVO: Star Wars – Episodio IV: Una nuova speranza (A New Hope)

Anno di uscita:
1977


Durata:
125 min.


Regista:
George Lucas


Altre Informazioni

 
Voto medio:

Totale votanti: 3


Immagini Film:
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Rating Film: 4.5 su 5.

Soggetto e sceneggiatura: George Lucas
Prodotto da: Gary Kurtz per Lucasfilm Ltd., 20th Century Fox
Fotografia: Gilbert Taylor
Musica: John Williams
Montaggio: Richard Chew, Paul Hirsch, Marcia Lucas, George Lucas (non accreditato)
Assistenti Regista: Gary White, Terry Madden, Tony Waye
Scenografia: John Barry
Costumi: John Mollo
Trucco: Stuart Freeborn
Effetti speciali visivi: Industrial Light & Magic
Suono: Ben Burtt


Compra DvD


Attori



Mark Hamill - Luke Skywalker
Carrie Fisher - Principessa Leila (Leia) Organa
Harrison Ford - Ian (Han) Solo
David Prowse - Dart Fener (Darth Vader, voce di James Earl Jones)
Alec Guinness - Obi-Wan Kenobi
Peter Cushing - Governatore (Grand Moff) Tarkin

Trama



  

Il malvagio Impero Galattico è pronto a usare la sua nuova arma, la Morte Nera, per distruggere i pianeti ostili. L'Alleanza Ribelle è riuscita però a rubarne i piani, che vengono portati in salvo dalla senatrice Leila (Leia) Organa, principessa di Alderaan. Intercettata dalle truppe al soldo di Dart Fener (Darth Vader), la principessa affida la salvaguardia dei dati al droide C1-P8 (R2-D2) affinché li consegni all'anziano Cavaliere Jedi Obi-Wan Kenobi. Il droide, insieme al compagno D3-BO (C3-PO), si ritrova però nelle mani di Luke Skywalker, giovane contadino che sogna la grande avventura. Insieme a Kenobi e al contrabbandiere Ian (Han) Solo, Luke dovrà liberare la principessa e salvare l'Alleanza.




Curiosità ed altro



  

- Il film di fantascienza più famoso della storia del cinema, ha marcato la differenza fra un prima e un dopo, contribuendo, insieme al di poco precedente Lo squalo, a reinventare il cinema spettacolare, dando forma a quello che è oggi conosciuto come cinema Blockbuster.

- Nelle intenzioni del regista George Lucas, la saga, oltre ad avere un valore morale tipico delle fiabe per gli spettatori più giovani, doveva rifarsi ai vecchi serial cinematografici stile Flash Gordon. Da qui l'idea di una storia che iniziasse “a metà” del percorso (ma la Fox vietò nelle prime uscite la dicitura “Episodio IV”).

- La sceneggiatura fu presentata alla Universal, che aveva distribuito il precedente film di Lucas, American Graffiti, con un ottimo riscontro di pubblico. La Universal però rifiutò e il progetto trovò asilo alla 20th Century Fox.

- Gli addetti ai lavori consideravano il film un sicuro insuccesso commerciale (ipotesi che trovava credito anche nella troupe), tanto che meno di 40 sale accettarono di programmarlo. Lucas ebbe come unico sostenitore l'allora presidente della Fox, Alan Ladd jr. All'uscita del film andò in vacanza alle Hawaii aspettandosi il peggio. Invece il film superò i 300 milioni d'incasso diventando il fenomeno che ormai sappiamo.

- Lucas aveva in mente una storia con effetti speciali innovativi e perciò fondò una compagnia, la Industrial Light & Magic che sperimentò molte innovazioni, come l'uso del computer per controllare i movimenti della macchina da presa (Digital Motion Control Photography) e permettere così di ripetere l'esposizione senza sbavature. La tecnica, in particolare, fu sviluppata da John Dykstra.

- Le scene sul pianeta Tatooine furono girate in Tunisia. Gli interni della Morte Nera, invece, furono allestiti presso gli Elstree Studios in Inghilterra.

- L'indimenticabile colonna sonora di John Williams fu l'unico aspetto del film che Lucas considerò superiore alle aspettative. La lavorazione si rivelò infatti travagliata e costrinse a numerosi compromessi, cui in parte si è rimediato nell'Edizione Speciale.

- Lucas accettò una riduzione sul suo compenso da regista in cambio dei diritti del merchandise. Una mossa apparentemente avventata, ma che si rivelò poi vincente. Il successo del film peraltro travolse i giocattolai che, ascoltando i cattivi presagi d'insuccesso, non avevano fatto scorta di prodotti dedicati al film.

- George Lucas mostrò un primo montaggio del film ad alcuni colleghi registi. Nessuno si entusiasmò e alcuni, come Brian De Palma, espressero giudizi molto duri. L'unico a credere nelle potenzialità del lavoro (ma senza minimamente avvicinarsi all'entusiasmo che catturò il pubblico) fu Steven Spielberg.

- Il film è stato soggetto negli anni ad alcuni rimaneggiamenti, per avvicinarlo alla visione originaria di Lucas e per “accordarlo” all'estetica dei prequel realizzati dopo il 1999. L'operazione di restyling più grossa si è avuta nel 1997 con l'aggiunta di molteplici effetti digitali e l'uscita nei cinema con la dicitura “Edizione Speciale”. Il successo dell'operazione diede il via libera alla produzione dei nuovi film.

- Lucas ha poi ampliato il racconto con ulteriori prosecuzioni: i sequel L'Impero colpisce ancora (1980, di Irvin Kershner, anche noto come Star Wars - Episodio V); Il ritorno dello Jedi (ovvero Star Wars - Episodio VI, 1983, di Richard Marquand); e i prequel Star Wars - Episodio I: La minaccia fantasma (1999), Star Wars - Episodio II: L'attacco dei cloni (2002) e Star Wars - Episodio III: La vendetta dei Sith (2005), tutti e tre diretti da Lucas. A questa va aggiunta una vasta serie di fumetti, romanzi, prodotti televisivi, videogame e altro, che hanno ampliato a dismisura la saga, ormai diventata un enorme contenitore di storie e uno dei più grossi universi della fiction di tutti i tempi.

- Nel 2013 la Lucasfilm è stata acquisita dalla Disney, che ha iniziato a produrre nuovi film. Il primo, nel 2015, è stato Il risveglio della Forza, diretto da J.J. Abrams.





Valutazione media: 4.5 su 3 votanti.