20/10/2018, ore 13:50 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Attack of the 50 Foot Woman

 
Locandina

Titolo:
Attack of the 50 Foot Woman

Altri titoli:


Anno di uscita:
1958


Durata:
65 min.


Regista:
Nathan Juran


Altre Informazioni

 
Voto medio:

Totale votanti: 2


Immagini Film:
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Immagine Film
Rating Film: 3.7 su 5.
Sceneggiatura: Mark Hanna
Prodotto da: Bernard Woolner
Produttore esecutivo: Jacques Marquette
Musica: Ronald Stein
Fotografia: Jacques R. Marquette
Montaggio: Edward Mann




Attori



Allison Hayes - Nancy Fowler Archer
William Hudson - Harry Archer
Yvette Vickers - Honey Parker
Roy Gordon - Dottor Isaac Cushing
George Douglas - Sceriffo Dubbitt
Ken Terrel - Jess Stout, il maggiordomo
Frank Chase - Vicesceriffo Charlie
Otto Waldis - Dottor Heinrich Von Loeb
Eileen Stevens - infermiera
Michael Ross - Tony, il barista / il gigante dello spazio

Trama



  Il fedifrago Harry Archer porta avanti il suo matrimonio con la moglie Nancy, ricchissima ereditiera, al solo scopo di godere dei suoi soldi.
Un giorno la donna, morbosamente dipendente da lui e gelosissima, fa ritorno in città in preda al panico raccontando di aver incontrato un gigantesco alieno che vuole rubarle il diamante che ha al collo.
La storia di Nancy, cui nessuno comprensibilmente crede, dà a Honey Parker, avida amante di Harry, l'idea per indurre Harry a farla richiudere in manicomio.
Ma l'alieno esiste davvero. Il contatto con lui porta Nancy a crescere a dismisura sino a diventare una gigantessa e la sua gelosia, cresciuta come la sua taglia, la porterà a mettere letteralmente sottosopra la città per scovare Harry e Honey e fargliela pagare.



Curiosità ed altro



  - Il film fu girato con un budget ridottissimo, 88.000 dollari. La circostanza, tristemente evidente negli effetti speciali, pare abbia spinto il regista, Nathan Juran, ad adottare lo pseudonimo Hertz nei credits del film. Ciononostante il film ebbe molto successo, tanto da spingere la casa di produzione a programmare un sequel, da girarsi in Cinescope ed a colori, che però non vide mai la luce.

- Anche la sceneggiatura non è esente da pecche: l'astronave viene chiamata "satellite" perché l'autore era convinto che, come lo Sputnik, ogni veicolo spaziale tondeggiante fosse definibile "satellite".

- Nonostante la povertà di realizzazione, il film è diventato un'icona, a partire dal suo poster, giudicato uno dei dieci più famosi di tutti i tempi (si vede di sfuggita anche in una scena di Pulp Fiction, sulla parete del Jack Rabbit Slim's
).

- La sua fama cult non ha però smosso i distributori italiani: sfortunatamente, infatti, nel nostro paese il film è rimasto inedito.

- Non si contano le citazioni e le parodie. Una su tutte, il personaggio di Ginormica del film Dreamworks Mostri contro Alieni, alto esattamente 50 piedi.

- Per dovere di cronaca citiamo Una donna in "crescendo", il remake del film prodotto dalla HBO nel 1993 con protagonista Daryl Hannah, il quale, lungi dall'avere la spensierata ingenuità dell'originale, lo fa rimpiangere agli appassionati.




Valutazione media: 3.7 su 2 votanti.